SOCCORSO SANITARIO D’EMERGENZA – 118

Il Comitato di Udine ha fornito al sistema d’emergenza sanitaria 118, in convenzione con le Aziende Sanitarie locali Medio Friuli, Alto Friuli e Azienda Ospedaliera Universitaria Santa Maria della Misericordia, Autisti e Soccorritori formati nel soccorso pre-ospedaliero di malori e traumi, abilitati all’utilizzo di defibrillatori semiautomatici, i quali, sui mezzi di soccorso avanzato del Comitato di Udine, hanno operato in sinergia con Medici ed Infermieri del sistema 118.

Nel corso del 2016 sono state garantite le storiche postazioni di emergenza territoriale, 24 ore su 24, 7 giorni su 7 di Tarcento, San Daniele del Friuli e Codroipo, nonché postazioni nelle zone della Carnia, Canal del Ferro e Val Canale.

Nel corso dell’anno inoltre il Comitato di Udine ha avviato la copertura di due importanti servizi per la comunità, il servizio di automedica con base presso l’Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Udine ed il servizio di trasporto organi ed equipes.

 

TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO

Il Comitato di Udine garantisce, in convenzione con le Aziende Sanitarie ed Ospedaliere Universitarie presenti sul territorio di competenza i servizi di accompagnamento, trasferimento tra strutture e dimissione verso il domicilio, mettendo a disposizione ambulanze attrezzate per il trasporto di infortunati, pazienti critici e disabili.

I servizi richiesti dalle Aziende Sanitarie, coordinati dalla Centrale Operativa Provinciale CRI, vengono svolti durante la settimana nell’orario minimo dalle ore 07.00 alle 23.00 e nei giorni festivi dalle ore 12.00 alle 23.00.

Nel corso del 2016 i servizi effettuati sono stati 22.465, con una media di oltre 61 servizi al giorno.

TRASPORTO INFERMI E TAXI SANITARIO

Il Comitato di Udine è in grado di dare una adeguata risposta ad ogni necessità di trasporto di persone inferme che vengano dimesse da ospedali o altre strutture di cura verso il domicilio, debbano essere ricoverate in strutture protette, trasferite tra diverse strutture ospedaliere o assistenziali, eseguire visite e consulenze programmate o seguire terapie come la dialisi.

Il servizio di accompagnamento per dimissioni, ricoveri, trasferimenti, consulenze o terapie, quando le condizioni lo consentano, può essere richiesto anche da parte di privati cittadini ed anche con l’impiego di una autovettura, sempre condotta da personale adeguatamente formato nel soccorso ed assistenza.

Nel 2016 è stata data risposta a tutti i circa 1600 servizi richiesti dai cittadini al Comitato.